“Sono nato nel 1965 in una borgata di Roma nord al margine della campagna e lì sono cresciuto come un bambino gorilla. A scuola ho sbagliato subito grembiulino. Ho ascoltato tanta musica tra la strada e il vecchio divano e poi ho cominciato a suonare chitarra e fisarmonica per un pubblico da festa contadina.  Mentre i miei coetanei facevano carriera e fortuna io attraversavo mari infuriati e tempeste facendo versi da jungla. Quando il cielo è ritornato sereno io mi sono ritrovato inspiegabilmente vestito  come un adulto e con qualche canzone nelle tasche.”

Nato a Roma nel 1965, Fabrizio è un compositore e un autore autodidatta formatosi direttamente “sul campo”, attraverso la scrittura di canzoni per artisti come Marcello Murru, Montaluna, Roberto Giordi e di composizioni per spettacoli teatrali dove la musica è molto spesso esibizione dal vivo: Il servitore di due padroni di Carlo Goldoni, regia di F. Albanese; Fabula di Carlo Gozzi, regia di M. Casarin ; Il Bugiardo di Carlo Goldoni regia di M. Anaclerio, Il borghese Gentiluomo di Moliére, regia di M. Anaclerio; La vera storia di Luisa Bonfanti di e regia di F. Angeli, Florestina! …oh Florestina, regia di M. Anaclerio; Il signor di Pourceaugnac di Moliére, regia di M. Anaclerio e T. Carrara, Malus Communis di Federico Bertozzi . Sempre per il teatro ha composto le musiche originali per Skylight di D.Hare, regia di P. Stott e per Kindeswhol, di F. Angeli e L. Bonifazi. Ha composto anche per programmi televisivi (Ultimo Minuto- Rai) e per documentari: I Pupi di ‘Ran Gnaziu, di Giusy Buccheri (ITA), 2006; Lampedusa terra di mare, regia di Michele Banzato (ITA), 2009; Florestano Vancini, di Fabio Micolano (ITA), 2011; C’era una volta il Prossimamente, di Fabio Micolano (ITA), 2014; La crudeltà del mare, di Rodolfo Bisatti (ITA), 2014. Nel 2012 ha scritto la colonna sonora del film TV Il Paese delle piccole piogge (ITA), regia di S. Martino, andato in onda su RaiUno.

Esce Oggi 18 Ottobre 2019 per Hi-QU Music il suo nuovo singolo

Su Questa Terra

Su Questa Terra è il nuovo singolo di Fabrizio Gatti (etichetta Hi-QU Music / CNI / distribuzione digitale Compagnia Nuove Indye ePirames International) e sarà in radio e in tutti i digital store a partire da venerdì 18 ottobre.
Il posto dove Fabrizio cerca le sue parole e la sua musica è una casa su un alberonascosta agli occhi dei distratti, dei sempre di fretta e dei signor “non ci credo”.
Protetta da una chioma folta d’immagini, anche in pieno inverno, ci si sale solo su invito e, una volta entrati, ci si sdraia sul pavimento di legno a fumare sigarette e a bere cose da bicchieri scompagnati. 
Si accende una radio portatile e si passa il tempo a guardare il cielo che cambia prodigiosamente fondale oltre la finestra sghemba, fino a quando qualcuno dice:

“Si è fatto tardi. Di nuovo. Ricominciamo?”

A Dicembre 2018 Pubblica per Hi-QU Music il suo Hi-QUdisc

“Avere un posto dove tornare”

Acquista su Hi-QU Store

Avere un posto dove tornareFabrizio Gatti 

Io non so se Fabrizio è un bambino di oggi, un bambino di ieri, ma forse è un bambino di domani, che rimane sempre bambino anche quando è adulto. I suoi occhi sono sempre quelli dell’incanto, dello stupore, della continua sorpresa che la vita ci fa trovare dietro gli angoli – dove c’è sempre una Penelope da sognare – dove c’è sempre un posto dove tornare.

Tracklist

  1. Bambino di oggi  –  3′ 50”
  2. Burro e Alici  –  2′ 49”
  3. Strani cioccolatini  –  3′ 05”
  4. Penelope  –  6’ 23”

Artwork: Mariagrazia Costa

“Burro e Alici” original song included in MAMBOR

a Film directed by Gianna Mazzini